top of page

È così facile che non possiamo nemmeno iniziare a immaginare quanto sia facile perché ci è stato detto che è difficile per tutta la vita.

Alla fine scopriremo che tutto è solo un sogno e abbiamo tutto nelle nostre mani... Ogni piccola cosa che possiamo dirigere... Siamo solo una pura illusione.

Tutto ciò che è è la nostra illusione, dobbiamo solo rompere i nostri limiti e crederci.

 

 

Cos'è la guarigione?

 

Cosa intendo per guarigione? Penso che la maggior parte delle persone abbia un'idea sfavorevole della guarigione. 

La guarigione colpisce principalmente la mente e solo secondariamente il corpo. Per una persona malata fisicamente, i suoi sintomi possono significare guarigione e sollievo dello spirito. Siamo spirito e abbiamo un corpo. Il corpo "dovrebbe" servire lo spirito. Se la mente serve il corpo, ci perdiamo a livello fisico e iniziamo a prenderlo troppo sul serio e con ciò perdiamo la nostra coscienza "pura".

Il corpo serve, tra l'altro, per la comunicazione tra l'anima, lo spirito e il livello fisico (lo riduco a questi 3 livelli per il momento, ce ne sono molti di più). Se la mente o l'anima è malata, lo esprime attraverso il corpo. Più a lungo i sintomi fisici vengono ignorati, più si manifestano nel corpo (anche nel corso di diverse vite).

 

 

Abbiamo un solo compito, quello di essere felici!

 

La felicità non dipende da circostanze esterne, ma unicamente dall'atteggiamento interiore. Tutto ciò che si cerca all'esterno serve solo a confondere. Dice un proverbio: il solo percepirsi in un corpo è segno di confusione. Pensiero interessante... Il corpo è una brutta cosa adesso? Buono e cattivo sono valutazioni e le valutazioni portano inevitabilmente alla sofferenza, perché all'interno della dualità tutto ha bisogno di un polo opposto, buono - cattivo, bello - brutto, gioia - sofferenza ecc.

Il corpo è un'esperienza, l'esterno è una proiezione e la terra è un parco giochi.

 

 

Io e gli altri.

 

Abbiamo bisogno che gli altri si riconoscano e poi siano in grado di guarire noi stessi. Ma non possiamo entrare nell'altro per guarirlo. Questi sono i limiti paradossali, perché in fondo gli altri sono in noi e non esistono affatto come esseri indipendenti. Tuttavia, sono a quel livello nella loro stessa energia e quindi non abbiamo la capacità o il diritto di voler fargli fare qualcosa solo perché pensiamo che serva a noi (o a loro).Credere che un essere umano abbia bisogno di guarigione , se non la pensa così, è presuntuoso. A tutti è permesso di essere nella loro sofferenza, questo è un loro diritto dato da Dio. Ad un altro livello, nessuno ha pensieri privati. Abbiamo tutti una sola mente e ci fornisce pensieri. Quando abbiamo guarito i bambini interiori, possiamo influenzare questi pensieri e quindi guarire tutti attraverso l'autoguarigione, poiché comunque tutto è solo il sé.

 

 

potere e impotenza.

 

Maggiore è il bisogno di esercitare potere all'esterno, maggiore è la sensazione di impotenza all'interno.

In definitiva, si tratta sempre di potere a questo livello. L'unica fase in cui siamo "spietatamente in balia" del nostro ambiente è nella nostra infanzia (ovviamente non è del tutto vero, perché probabilmente anche noi stessi abbiamo scelto questa presunta impotenza).

Conserviamo questa sensazione di impotenza nel nostro subconscio e continuiamo ad agire nell'età adulta come se fossimo impotenti. Questo in parte con autoinganno in parte molto ostinato. Quindi spesso continuiamo a girare in un ciclo assurdo dal quale potremmo facilmente uscire.

è davvero così semplice? Le informazioni a volte sono impresse molto profondamente nelle cellule?

Il passo più importante, come per ogni cosa a questo livello, è la realizzazione che ORA e QUI è l'unica cosa che esiste e include il passato e il futuro. Sembra paradossale? È! Tutto qui è paradossale ;-)

 

 

Tristezza

 

La sofferenza è il motore del cambiamento. Se giudico la gioia come buona e il dolore come cattivo, percepisco il dolore come qualcosa di tortuoso. Se rinuncio al giudizio e vedo la sofferenza come un impulso, mi serve per andare avanti.

Non posso scegliere la gioia (terrena) all'interno della dualità ed escludere la sofferenza. Sarebbe come voler vivere solo giorni e non più notti. Questo è assurdo!

Posso abbracciare il dolore e così posso entrare nei momenti gioiosi molto più velocemente... e di conseguenza diventano molto più intensi.

La sofferenza è tua amica, devi solo accettarla, perché la sofferenza ti aiuta a riconoscere ciò che non vuoi e, a sua volta, ciò che vuoi veramente.

La sofferenza è solo una guida, come la gioia, e quindi solo un'opzione per prendere coscienza. Quando sono consapevole di questo, posso scegliere consapevolmente la gioia come guida e usare la sofferenza per aiutare quando la gioia non mi porta oltre.Se non sono consapevole, accade qualcosa che non penso di poter influenzare Potere.

 

 

paradossi

 

Uno degli argomenti più importanti per me per evitare di perdermi in pensieri spirituali che rendono la vita più difficile invece che più facile è accettare i paradossi. 

Esistiamo su diversi livelli che seguono leggi diverse. Al livello "mondano" ci sono ad esempio i fattori del tempo, dello spazio, del corpo, che seguono leggi che esistono solo a questo livello. Ad esempio, sperimentiamo l'illusione del tempo come una sequenza di passato, presente e futuro. Possiamo in qualche modo riconciliare il passato con il presente, ma per quanto riguarda il futuro? Qualcuno c'è stato? Non me! Solo come un'idea fittizia nella mia mente. In linea di principio, lo stesso vale per il passato. Ripieghiamo sui ricordi, nella ferma convinzione di averlo vissuto. Strano, spesso ho sentito storie di esperienze condivise e quando ho sentito gli altri raccontarle, ho notato che ricordavo la storia in modo un po' diverso. Ancora meglio, la stessa storia viene raccontata di nuovo dalla stessa persona "in un momento diverso" ed è di nuovo diversa. La memoria? Penso che anche il passato sia un costrutto che non esiste più del futuro. Servono solo come distrazione dall'ORA e QUI.

Tuttavia, a questo livello questi costrutti sono importanti, così come l'idea di separazione.

Posso affermare che siamo tutti uno, eppure provo il senso di separazione qui e mi è ancora "dimostrato" anche dal corpo.

Non esiste una verità ultima, solo un'infinita possibilità di varianti tra cui scegliere.

Perché dovrei creare un mondo sofferente che sia fatto anche solo di fede, quando posso crearne anche uno gioioso con gli stessi mezzi?

 

 

recensioni e le conseguenze

 

Valutiamo sempre e giudichiamo sempre!

La valutazione porta al verdetto. Con questo giudichiamo sempre, non importa quanto ci sforziamo di essere liberi da valori o giudizi! 

Quando metto la mano nell'acqua per vedere se è fredda o calda, giudico. Se fa molto freddo, potrei tirarli fuori di nuovo. E quando vedo che sta fumando, potrei anche non metterci mano. Poi ho anche un pregiudizio! Quindi è sbagliato?

Eccoci di nuovo ai paradossi. Valuto all'interno di questo livello ciò che rimane all'interno del livello... o no? 

Attenzione! 

È una trappola, perché dietro ogni valutazione c'è l'informazione che io do valore a qualcosa, ma se do valore a un gioco, non è più un gioco, allora lo prendo sul serio e perde il carattere del gioco._cc781905- 5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_

Credo che il gioco sia lo strumento per la creazione, quindi solo nel gioco possiamo creare intenzionalmente. Se prendiamo (troppo) sul serio ciò che percepiamo qui, entriamo in un vortice di impotenza, che ha un certo fascino, ma ci rende difficile uscirne di nuovo.

Tuttavia, non saremo mai liberi da valutazioni e giudizi, perché la decisione su quale strada io percorro è un giudizio (valutazione) e quindi una condanna della strada che non faccio e anche di quella che fai tu!

 

 

 

luce e oscurità

 

Il concetto di vedere l'oscurità come un male (ad esempio il diavolo) e la luce come un bene (ad esempio Dio) è a mio parere un concetto altamente manipolativo e molto bloccante sulla via della conoscenza di sé!

Serve solo alla paura e quindi priva l'amore sentito dell'energia di cui ha bisogno per essere percepito a questo livello.

Vedere l'oscurità come inconscio e la luce come conscio semplifica il viaggio nell'oscurità per l'anima spaventata, che è essenziale per la guarigione!La paura dell'oscurità deriva dal fatto che tutto ciò che è vissuto che ha causato dolore tende a essere spostato nel l'oscurità, il bello tende ad essere ma ama essere tenuto nella luce.Che concetto assurdo creare una doppia realtà e poi voler guardare solo un aspetto!Perché dovrei percepirmi in un corpo se non volessi questo esperienza nella sua interezza?Il libero arbitrio è intoccabile!Se voglio un corpo, ho scelto la dualità!Se considero il dolore associato come un dono uguale alla gioia, mi serve solo come aiuto e perde così la sua terribilità!

 

 

Hai sempre ragione, qualunque cosa tu creda! La domanda è: ciò in cui credi ti rende felice?

 

(non posso aggiungere altro in questo momento)

 

 

Pensieri positivi

 

Oggi voglio solo vedere ciò che vedo, voglio solo essere dove sono, voglio solo sentire ciò che provo, e voglio solo avere ciò che è con me, oggi sono perfettamente felice!

 

 

 

bottom of page